Il 26 luglio, in concerto Federico Fiumani per EstatinSiena

Il 26 luglio, in concerto Federico Fiumani. Cantautore, chitarrista e scrittore italiano, verso la fine degli anni Settanta ha formato i C.F.S. insieme a Gianni Cicchi e Salvatore Susini e nei primi anni Ottanta ha dato vita ai Diaframma. Oltre a essere la voce e il chitarrista del gruppo, è autore delle musiche e dei testi. Inoltre, ha pubblicato sei volumi di poesie e pensieri e un’antologia comprendente i testi di tutte le canzoni con relative note a margine. Insieme ai numerosi album dei Diaframma, Fiumani ha pubblicato da solista gli album Confidenziale (1994) e Donne mie (2006).

Per ulteriori informazioni, consultare il sito web istituzionale www.comune.siena.it, la pagina Facebook di Enjoysiena e seguire l’hashtag #estatinsiena.

Share

Il 25 Luglio appuntamento con i ritmi travolgenti degli Ezza

Il 25 luglio, in recupero dell’appuntamento rinviato lo scorso 24 giugno, il Cortile del Podestà sarà tutto per gli Ezza e il loro trascinante Niger Tuareg Rock Blues che mescola suoni rock moderni, impulsi africani, trance ritmiche e grooveinstancabili. “Ezza” è l’ultima lettera dell’alfabeto Tifinagh ed è il simbolo dell’uomo libero (Amazigh) e della resistenza. Il blues-rock del deserto di Ezza, tra melodie dinamiche e ritmi alimentati dalla ribellione, produce un suono contemporaneo. I brani parlano della cultura del Niger e dei Tuareg attraverso una musica sperimentale e impegnata. La loro musica spazia dal trip hop alla jungle, dal funky breaks all’electroswing, il tutto mixato con gusto in scratch sessionlive.

 

Tutti i concerti iniziano alle 21.30.

Per ulteriori informazioni, consultare il sito web istituzionale www.comune.siena.it, la pagina Facebook di Enjoysiena e seguire l’hashtag #estatinsiena.

Share

Prosegue EstatinSiena con il mash-up dei Discoverland

Prosegue la musica d’autore protagonista nel prestigioso Cortile del Podestà, il 24, 25 e 26 luglio, con tre appuntamenti della rassegna “Cortili d’autore”, tutti con inizio alle 21.30. Il 24 lugliosul palco saliranno i Discoverland, gruppo che ha all’attivo diversi dischi e collaborazioni e che proporrà unlive nel segno della sperimentazione musicale. La loro idea, infatti, è quella di rivedere e reinterpretare pezzi importanti di musicisti e cantautori italiani e stranieri. Il concerto diventa così un mash-up di canzoni dove voci, chitarra, steel guitar, iPhone ed elettronica si intrecciano, senza mai togliere spazio all’improvvisazione e ai momenti acustici.

Share

Fondazione TAB: ” Avviato il nuovo bando per l’ammissione al corso gratuito in gestione delle strutture turistico- ricettive”

 

La Fondazione Istituto Tecnico Superiore per le Tecnologie Innovative per i beni e le attività culturali – Turismo, Arte e beni Culturali – TAB – bandisce un concorso per l’ammissione al corso di Istruzione Tecnica Superiore per “TECNICO SUPERIORE PER LA GESTIONE DI STRUTTURE TURISTICO – RICETTIVE “(INNOVAZIONE DI PROCESSO E DI PRODOTTO NELLA FILIERA TURISMO E CULTURA) – ACRONIMO G.I.C. (GESTIONE IMPRESA E CULTURA) rivolto a n. 20 allievi di età compresa tra i 18 e i 30 anni non compiuti, in possesso di diploma di istruzione secondaria di II grado.
Il corso intende formare Tecnici Superiori, connotati da conoscenze, abilità e competenze professionali che consentono di intervenire nei processi di produzione, gestione e controllo di beni e servizi, sviluppati in contesti di lavoro tecnologicamente avanzati.
Nello specifico il percorso formativo fa riferimento alla figura 5.1.2. del DM MIUR 7 sett. 2011: Tecnico superiore per la gestione di strutture turistico – ricettive. Il Tecnico superiore garantisce una corretta gestione dell’impresa turistico- ricettiva, coordinando le diverse funzioni aziendali; sovrintende alla corretta implementazione delle politiche aziendali definite dalla proprietà; analizza ed interpreta il mercato, la concorrenza e la domanda turistica; definisce ed implementa, definendole con gli attori pubblici e privati del territorio, le azioni di marketing e promozione; definisce e sovrintende ai budget aziendali; gestisce il personale secondo quanto stabilito dai Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro di riferimento, definendo la struttura organizzativa dell’azienda; definisce e coordina un piano della qualità dei servizi offerti.
La curvatura data al percorso rispetto a specificità e peculiarità territoriali gli permettono, altresì, di svolgere attività di studio e ricerca sulle risorse culturali del territorio e sulle specificità del patrimonio culturale da valorizzare e comunicare e di collaborare alla progettazione delle attività e dei contenuti della comunicazione culturale.
Grazie alla sua profonda conoscenza delle risorse culturali, ambientali, naturali e paesaggistiche del territorio, nonché delle sue tradizioni enogastronomiche, può intervenire nell’organizzazione di eventi di promozione territoriale.
Gli interessati dovranno far pervenire la domanda di ammissione entro e non oltre la data del 28 settembre 2017 al seguente indirizzo: itstabcasellisiena@gmail.com

Per ulteriori informazioni visitare il sito: www.istitutoprofessionalecaselli.it nella cartella: “ITS-TAB Siena” oppure il sito www.fondazionetab.it nella sezione: sedi territoriali – Siena.

Bando di selezione

 

 

Share

IN PUBBLICAZIONE TRE AVVISI DI MOBILITÀ ESTERNA PER CONTO DEL COMUNE DI MONTERIGGIONI

Le domande dovranno pervenire entro il prossimo 3 agosto

Il Comune di Siena, in virtù di un’apposita convenzione, ha pubblicato per conto del Comune di Monteriggioni tre avvisi di mobilità esterna riservati a dipendenti pubblici per altrettanti posti di categoria B.
Uno è relativo al percorso economico B3/B7 e al profilo professionale di collaboratore professionale tecnico, in assegnazione all’area tecnica Lavori pubblici; gli altri due si riferiscono al percorso economico B1/B7 e ai profili professionali di esecutore tecnico e di esecutore aiuto cuoco, rispettivamente destinati alla stessa area tecnica Lavori pubblici e all’area Affari generali.
Gli avvisi integrali e i relativi moduli per la domanda sono reperibili nel sito www.comune.siena.it sia all’Albo pretorio online sia seguendo il percorso Il Comune>Gare, Concorsi e Avvisi>Concorsi e Avvisi>Bandi e Avvisi>Avvisi e Bandi in pubblicazione.
Le richieste dovranno pervenire entro il prossimo 3 agosto per posta ordinaria all’indirizzo Direzione Servizi – Servizio Personale del Comune di Siena – Piazza il Campo, 1 – 53100 Siena; oppure per posta elettronica certificata, scrivendo a comune.siena@postacert.toscana.it, o tramite consegna diretta all’ufficio Protocollo (Palazzo Pubblico – Piazza il Campo, 1) nelle mattine dal lunedì al venerdì in fascia oraria 9/12.30 e anche nei pomeriggi di martedì e giovedì dalle 15 alle 16.30.

Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi ai numeri della Direzione Servizi 0577 292183-85-86.

Share

Con “EstatinSiena” arrivano la musica travolgente dei Baro Drom Orkestar e il loro Power Gipsy Dance.

 

EstatinSiena nella sezione “Meridiani Live” inizia oggi 23 giugno con l’Orchestra Baro Drom ed il loro “Power Gipsy Dance”. A seguire, djset con Ghiaccioli & Branzini. Sarà invece necessario aspettare la fine di luglio per ascoltare il rock blues del deserto del Niger del trio EZZA, guidato da Omar Adam Goumour, inizialmente previsto per il 24 giugno. Purtroppo Adam Goumour Omar, cantante e chitarrista del trio Ezza, ha un problema di salute che lo ha costretto in questi giorni a rimanere sotto osservazione in clinica a Niamey, in Niger. Il gruppo sarà di nuovo in tour e on stage a luglio quando toccheranno anche Siena.

EstatinSiena nella sezione “Meridiani Live” prosegue l’8 luglio con Fanfara Station, un progetto in trio con looping dal vivo che fonde la forza di un’orchestra di fiati, l’elettronica e i ritmi e i canti del Maghreb. Infine, l’11 luglio, Peppe Voltarelli, cantante di origini calabresi, autore di canzoni, attore, performer. Palcoscenico per tutti gli appuntamenti, il Chiostro di San Francesco, a Siena, in Piazza San Francesco. Al calare della sera, alle 21,30, inizia la musica. E con “Meridiani live” la volontà è quella di raccontare il sud delle geografie musicali, le musiche che tendono all’equatore dell’anima, oltre i generi e le definizioni. E’ questo il filo rosso che lega i quattro concerti

“Genau!” è il nuovo e atteso album di Baro Drom Orkestar. Tradizione, innovazione e soprattutto originalità sono le parole chiave, un mix che fa ballare dalla prima all’ultima nota. L’album presenta anche alcuni ospiti molto speciali, compagni di viaggio dell’Orchestra, come Goran Kovacevic, il percussionista e il cantante Rocco Zecca e la voce di Arianna Romanella. Tante le influenze musicali della band che ha suonato in grandi club e partecipato a importanti festival in Europa, tra cui Moods Jazz Club (Zurigo), Isny Theater Festival (Germania), Wangen Jazz Point (Germania), Lindau Festival (Germania), Hoftheater Baienfurt (Germania), Festival di Musica di Chianciano Terme, Festival di Musica dell’Austrada,Sentieri Acustici, Festival Popolare, Festival della Musica Etnica di Civitavecchia, L’Auditorium Flog di Firenze.

Per informazioni, basta cliccare sul sito internet di Bside www.sonarlive.com, la pagina Fb di Sonar Live e l’account twitter sonarlive, sul sito web del Comune di Siena all’indirizzo www.comune.siena.it.

Inizio spettacoli ore 21,30. È possibile seguirci su enjoysiena e con l’hashtag #estatinsiena.

Infoline: bsieda2004@hotmail.com, cell. 339 3476872.

Share

Maturità 2017: la fine o l’inizio?

Ci siamo, il momento tanto temuto o tanto atteso è ormai arrivato. Migliaia sono gli studenti che in questi giorni  stanno affrontando gli esami di maturità. Come ogni traguardo ognuno la vive a modo suo: c’è chi da tempo freme di andar via, lasciare la scuola e tuffarsi in una nuova avventura, universitaria o meno. C’è chi invece la vive con timore, ma soprattutto con la tristezza di dover lasciare i banchi di scuola, gli amici di sempre e in un certo senso “diventare grande”. Perché pensiate li abbiano chiamati “esami di maturità?” . Ebbene, non si tratta solo di esami in cui viene testata la vostra preparazione scolastica, ma segnano un passaggio a una nuova vita. Difatti che voi decidiate o meno di andar via di casa, tutti, ma proprio tutti, una volta ottenuto quel diploma, vi guarderanno con occhi diversi. Non i vostri genitori, non sperateci, per loro resterete sempre “piccoli e indifesi”.

Ma torniamo agli esami, ricordo ancora la mia maturità, era il Giugno del 2010. Quella fu l’estate dei mondiali in Sud Africa, l’estate del “waka-waka” per intenderci. Di fatto a ogni prova superata in quei tre giorni, seguivano serate tra amici in cui guardavamo le partite e nel mentre ripassavamo tutto il programma scolastico per il giorno seguente. Sembrava quasi di essere a un meeting o a una sorta di inquisizione: tutti facevano domande ma pochi avevano le risposte.

Qualcuno “crollava” per la paura di non riuscire a superare le prove e poi c’erano loro, gli addetti al far rientrare qualsiasi tipo di crisi: di solito coincidevano con i compagni delle ultime file, quelli che ti facevano ridere nei momenti meno opportuni e che in genere richiamavano su di sé l’attenzione dell’intera classe, poiché erano gli unici “coraggiosi” a sfidare i prof e i loro rimproveri. Durante le serate pre-maturità, non appena qualcuno mostrava “segni di cedimento”, iniziavano a raccontare quell’episodio divertente, avvenuto in classe il giorno x e alla fine non c’era più spazio per la paura né per le lacrime, ma solo per le risate. Perciò ogni serata passata a ripetere con i compagni di sempre si concludeva con la convinzione che nonostante tutto ce l’avremmo fatta.

Il tutto era scandito dalle note di quello che è ormai l’inno ufficiale di ogni maturità che si rispetti: “Notte prima degli esami” di Antonello Venditti. La ascoltavamo ad alto volume dopo aver ripassato tutto, la ricarica giusta per far fronte al giorno seguente. Ricordo ancora la prima prova: al suonare della campanella seguì un urlo collettivo ma non liberatorio, come quando finisce la scuola e si dà inizio alle vacanze, bensì “di battaglia”. Quelle urla stavano a indicare che eravamo pronti.

Quel giorno varcammo la soglia tenendoci per mano. Dopo aver preso posto, ci trovammo davanti a quello che non era solo un foglio, ma qualcosa che attestava la fine di tutto e magari l’inizio di un qualcosa, chissà… Al primo giorno di prova seguirono gli altri e ognuno di noi le superò tutte, compreso il colloquio finale. Quei giorni furono indimenticabili, quegli anni lo furono. Perciò ogni volta che si avvicina il periodo della maturità, ripenso sempre a quando l’ho vissuta in prima persona con la consapevolezza che tutte le prove della nostra vita sono un pò come l’esame di maturità: affrontatela al meglio e vedrete, comunque vada, sarà un successo.

 

Buona maturità a tutti!

 

Laura Modafferi

Share

13 Reasons Why

 

13 Reasons Why, una serie tv che ha spopolato tra giovani ed adulti.

Fino a pochi anni fa avrebbe creato negli animi di tutti sdegno.

In questa serie si racconta di come una ragazza di 17 anni abbia lasciato a dei suoi amici e non, delle cassette in cui racconta i motivi per cui si è tolta la vita, scoprendo anche molti segreti dei vari personaggi.

Questa serie ha creato nel pubblico due opinioni diverse.

Molti pensano che questa serie tv possa insegnare molto ai ragazzi a rispettare la privacy e le opinioni altrui, ma l’altra minima parte di spettatori, crede che in questa serie si parli in modo troppo forte e normale del suicidio ed altri argomenti al giorno d’oggi molto diffusi .

Viene infatti descritto come Hanna, la protagonista, si sia tolta la vita, o di come sue foto siano circolate, in modo semplice e fin troppo veloce, per le classi e i corridoi della suola.

Questa serie è, per l’appunto, ambientata principalmente all’interno della scuola, in cui i ragazzi si scambiano opinioni, e si avvicinano, molto spesso in modo crudele, l’uno all’altro.

   Silvia Burroni

Share

Il Palio e la sua storia

 

 

 

Il Palio non è una manifestazione riesumata ed organizzata a scopo turistico: è la vita del popolo senese nel tempo e nei diversi suoi aspetti e sentimenti. Esso ha origini remote con alcuni regolamenti ancor oggi validi dal 1644, anno in cui venne corso il primo palio con i cavalli, così come ancora avviene, in continuità mai interrotta (ad eccezione del periodo delle due guerre mondiali del XX° secolo).
Il territorio della Città è diviso in diciassette Contrade con dei confini stabiliti nel 1729 dal Bando di Violante di Baviera, Governatrice della Città.
Ogni Contrada è come un piccolo stato, retto da un Seggio con a capo il Priore e guidato nella “giostra” da un Capitano, coadiuvato da due o tre contradaioli detti “mangini”.
Possiede, entro il suo territorio, una Chiesa con annessa la sede ove viene custodito tutto il suo patrimonio: cimeli, drappelloni delle vittorie, costumi della Comparsa – quelli in uso e molti di antica data – bandiere, archivio e tutto quanto altro concerne la vita della Contrada stessa.
Ad ogni fantino viene consegnato un nerbo di bue con il quale potrà incitare il cavallo o ostacolare gli avversari durante la corsa. Quindi si procede all’avvicinamento verso la “mossa”, ossia il punto dove sono stati tesi due canapi tra i quali saranno chiamati ad allinearsi cavalli e fantini. L’ordine di entrata è stabilito dalla sorte, infatti le Contrade vengono chiamate secondo l’ordine di estrazione. La decima e ultima, entrerà invece di “rincorsa” quando lo riterrà più opportuno, decidendo così il momento della partenza. Se la partenza non sarà valida, uno scoppio del mortaretto fermerà i cavalli. Quest’ultimi dovranno compiere tre giri di pista per circa 1000 metri e solo al primo arrivato sarà riservata la gloria della vittoria. Chi vince è comunque il cavallo, infatti può arrivare anche “scosso”, ossia senza fantino.
I festeggiamenti iniziano subito: i contradaioli ricevono il Palio e con quello si recano in Provenzano (per il Palio di luglio) o al Duomo (ad agosto) per cantare il Maria Mater Gratiae di ringraziamento alla Madonna. Da questo momento in poi ogni occasione sarà buona per ricordare alla città la vittoria conquistata sul Campo, fino all’autunno, quando, tra il mese di settembre e i primi giorni di ottobre, nel rione vittorioso addobbato a festa, si svolgerà la “cena della vittoria” a cui parteciperanno migliaia di contradaioli e, al posto d’onore, il cavallo vittorioso, vero e proprio ammirato eroe.

In cosa consistono le batterie di selezione?
Sono corse da 5-6 cavalli ciascuna ed hanno lo scopo di verificare la condizione dei cavalli presentati per il Palio (di solito una trentina) e la loro adattabilità al percorso della Piazza del Campo; non sono dunque delle vere e proprie gare di corsa. Si svolgono in genere tra le 9 e le 11 del mattino e al termine i Capitani delle Contrade che partecipano al Palio scelgono 10 cavalli per la corsa (non necessariamente i migliori: si può optare per un cavallo sano e/o affidabile in favore di un cavallo forte, ma che può presentare problemi).

In cosa consiste l’assegnazione dei cavalli?
Una volta scelti i 10 cavalli, questi vengono assegnati alle 10 Contrade che partecipano al Palio mediante estrazione a sorte. L’estrazione avviene solitamente tra le 12:30 e le 13:30, nella Piazza del Campo gremita di folla. E’ un momento fondamentale perché solo dopo aver conosciuto il cavallo con il quale dovranno correre le Contrade potranno mettere in atto le proprie strategie. E’ dunque un momento di grande tensione, testimoniata dall’esultanza dei contradaioli che ricevono in sorte un buon cavallo e dalla delusione di quelli che ne ricevono uno ritenuto non buono.

Come si svolgono le prove?
Ciascuna Contrada porta il proprio cavallo in Piazza, accompagnato da un folto gruppo di contradaioli e dai loro canti. Questo avviene da un’ora a mezz’ora prima dell’orario previsto per lo svolgimento della prova. Quindi viene sgomberata la pista e chiusi gli accessi alla Piazza. La prova si svolge simulando il Palio, ossia sempre sulla distanza dei tre giri, ma non si tratta però di una vera gara, in quanto il risultato non ha alcun valore: lo scopo è di permettere a cavalli e fantini di adattarsi al meglio alla pista e alla situazione in vista del Palio. Perciò non stupitevi se qualche cavallo una volta provata la partenza, viene “tenuto” dal suo fantino e magari compie soltanto uno o due giri.

A che ora è previsto lo svolgimento delle prove?
Alle 9 per quelle del mattino. Per quelle del pomeriggio alle 19:45 per il Palio di luglio, alle 19:15 per quello di agosto.

Silvia Burroni, Martina Pagni

Share

I mass media

 

Per mass media intendiamo tutti quei mezzi che ci permettono di comunicare con molte persone in pochi secondi.
Gli esempi più usati al giorno d’oggi sono i social media, come facebook, twitter o instagram.
In molti casi questi possono essere un mezzo utile e positivo, che permette di comunicare con amici da ogni parte del mondo.
Negli ultimi anni i social media vengono usati sempre di più da bambini piccoli, senza il minimo controllo dei genitori.
Su internet troviamo spesso dei giochi, che possono essere anche luogo di cyberbullismo e minacce.
Alcuni di questi sono semplicemente dei passatempi, che ti permettono di perdere tempo e divertirti, mentre altri ti portano addirittura alla morte.
Un esempio molto vicino a noi, è il gioco che ha spopolato questo inverno in Russia, chiamato “Blue Whale”.
Questo gioco contiene 50 sfide, tutte molto cruenti e letali. Infatti l’ultima sfida è quella di salire su un palazzo e lanciarsi, portandoli così al suicidio.
Perciò genitori, state attenti a come i vostri figli utilizzano computer, cellulare ed internet in generale, così da evitare che ricevano minacce o lavaggi del cervello da persone sconosciute.

Silvia Burroni, Martina Pagni

Share